Benvenuti sul sito di Tino ROBOT... scopri tutte le sue fantastiche storie e ascolta le sue canzoni...

domenica 10 giugno 2012

Due

Il giorno seguente tornò al laghetto subito cercò l'oca ma niente. Nessuna traccia. Un po' sconsolato si sedette sotto l'albero e contò le sue quattro oche rimaste, promettendosi di fare buona guardia.

"Un'oca .. due oche... tre oche... quattro oche... "

E mentre leggeva ogni tanto contava e poi tornava a leggere e poi contava... finché tra il caldo del giorno e la fatica della lettura si addormentò di nuovo gli occhi si appesantirono così tanto che dopo un po' si addormentò.
La volpe che girava ancora nei paraggi non aspettava altro. Rapida uscì dal suo nascondiglio e … zacc.. rubò un'altra oca.  
Al suo risveglio vide tre oche che gironzolavano nel prato e pensò che la quarta di sicuro fosse nello stagno a nuotare, ma quando si accorse che era sparita iniziò a cercarla gridando a squarciagola.. "Ocaaaa... Ocaaaaa dove seiii.." Ma dell'oca nessuna traccia.

Tutto triste e sconsolato tornò verso casa meditando se raccontare l'accaduto al nonno. Decise di ritentare il giorno dopo pensando che forse le due oche scomparse si erano ritrovate dall'altra parte dello stagno e non sapevano trovare la strada del ritorno. Così si ripromise che il giorno seguente avrebbe guardato da quella parte del lago.
La mattina seguente delle due oche scomparse non c'era traccia. Preoccupato tornò a sedersi al suo albero e prese il libro deciso però a fare buona guardia. E contò le sue oche.

"Un'oca.. due oche... tre oche.." 
Faceva un gran caldo quel giorno e dopo una bella nuotata con le tre oche rimaste nel laghetto si stese al sole e si appisolò.
Indovinate un po' chi lo stava osservando dietro un cespuglio?

La volpe uscì con calma, questa volta. Tanto era convinta che il bambino dormisse profondamente che prese sottobraccio un'oca e scappò via.
Non vi dico le grida disperate quando si accorse di essere rimasto con soltanto due oche. 
-->due oche sono poche.. - pensò tornando a casa – il nonno di sicuro se ne accorgerà..   

[continua]

Nessun commento:

Posta un commento