Benvenuti sul sito di Tino ROBOT... scopri tutte le sue fantastiche storie e ascolta le sue canzoni...

lunedì 28 maggio 2012

capitolo sette: dammi le mie scarpette


“Bene eccovi qui finalmente!” – disse la strega “che siete venuti a fare nel mio regno?” e così dicendo notò che Dorothy aveva ai piedi le scarpette d’argento della strega cattiva dell’est e strillò con tutto il fiato che aveva in gola:
“Ahhh… sei stata tu dunque che ti sei impossessata delle scarpe magiche delle mia amica dell’est. Ti ordino di darmele subito”.


[Strega]


“Dammi le tue scarpette
O ti trasformerò
E per cent’anni almeno
un sasso resterai”

[Dorothy]

Evvia non farmi ridere
Non puoi più minacciar
Lo vedi questo segno
Lui mi proteggerà…

[Strega]

Sei proprio dispettosa
Non mi fare arrabbiar
Qui mai nessuno ha osato
Le mie ire sfidar

[Dorothy]

Ma tu sai che ti dico
Paura non ci fai
E ti minaccio pure
Con tutto il nostro ardore…



La bambina non aveva intenzione di cedere alle minacce della strega che si lanciò su Dorothy ma l’uomo di latta le si parò davanti dimostrando tutta la suo bontà d’animo e il suo buon cuore mentre il leone vigliacco con un gran gesto di coraggio balzò fin sui piedi della strega, mentre lo spaventapasseri con un sgambetto le fece perdere l’equilibrio facendola cadere nelle acque del vicino fiume.
“Nooooo noooo … - si mise ad urlare la strega - l’acqua no. Aiuto… aiuto” e scomparve in fondo al fiume.

Ora voi dovete sapere che le streghe malvagie non possono sopportare l’acqua. L’acqua è il simbolo della purezza e ha il potere di sciogliere tutta la loro malvagità e tanto più sono malvagie tanto più l’acqua riesce a sciogliere la loro malvagità fino a farle scomparire.

“Evviva abbiamo vinto” urlarono tutti in coro “ ora torniamo da mago di Oz”.
[continua]

Nessun commento:

Posta un commento