Benvenuti sul sito di Tino ROBOT... scopri tutte le sue fantastiche storie e ascolta le sue canzoni...

giovedì 1 dicembre 2011

Capitolo 3


[scarica e colora il disegno dal link
Il riccio fece una pausa e diede un altro piccolo morso alla sua gustosa mela e questa volta Martina lo incalzò a proseguire, incuriosita dal racconto.
“Su, su, non è il momento di mettersi a mangiare... che è successo? Voglio sapere come continua.”

Vista l'impazienza della bambina al riccio, che non amava parlare con la bocca piena, non rimase che masticare in fretta il suo boccone e riprendere a raccontare.

“Il decimo giorno chiese aiuto ad Elios, il dio del Sole che tutto vede e osserva.
Impaziente attese l'alba e all'apparire del disco solare Demetra gli rivolse la parola.





Oh mio caro amico Elios
Tu che il dì nel ciel risplendi
dai a me conforto e luce
che mi dia felicità!
Hai tu visto una fanciulla
la mia figlia prediletta,
stava raccogliendo i fiori
or di lei non so più nulla...
Tu consorte della Luna
E dall’alto tutto vedi
dimmi della mia fortuna
e accendi la speranza.

Ma il sole non rispose subito. Attese di aver raggiunto la posizione di mezzogiorno e poi finalmente le diede risposta.

Da quassù risplendo e spargo
Caldi raggi sulle messe,
d’oro rendo le tue spighe
Tu che regni la natura

Senza te, la terra geme
E non sboccia più alcun fior
Tu sei spirito nel mondo
Coi tuoi mille e più color…

Dirò della tua fanciulla
stava sopra un nero carro
Nero il manto dei cavalli
sopra, un dio che lo portava

Lei piangeva disperata
Per la sorte sua inattesa
Pochi gigli in man teneva
Tra più belli e profumati…

[continua]

Nessun commento:

Posta un commento