Benvenuti sul sito di Tino ROBOT... scopri tutte le sue fantastiche storie e ascolta le sue canzoni...

martedì 15 marzo 2011

Capitolo Sette: Che vai dicendo?

"Devi esser pazza, a fare discorsi come questi! - disse Narciso – Avresti fatto meglio a restar a dormire. Come hai osato venir sola sin qui!"
Cara fanciulla che stai dicendo?
Forse vaneggi o forse deliri
Certo a casa dovresti tornar.
Non per i boschi sola girar.

Porta rispetto al nome che porti
Fammi un favore lasciami star...
Parli d’amore ma io che ne so
Siam dei fanciulli o figlia del re!

E se l’amore è causa di pena
Ti toglie il sonno e soffrire ti fa
Ti da tormento e gioia ti leva
Bhe, per favore vai via da me.. 

Stupore e lacrime già solcano il viso della povera fanciulla ma Narciso non s’arresta anzi prosegue.
“E’ questo forse il modo d’andar tutta sola per i boschi, per la figlia del re?  Parli d'Amore ma non tocca a te, e meno ancora a me, provar amore né poco né tanto, perché siamo ancora fanciulli. E se tu dici che Amor t’ha preso e ti fa star male, io non ti posso aiutare. Anzi, se vero è che male te ne viene, starò in guardia: non piaccia agli dei ch’io debba soffrir per Amore.“
Tante cose ancora voleva dire Danae, ma nulla uscì dalla sua bocca davanti a un simile rifiuto, lo guardò disperata mentre già lui era lontano.

Il pavone fece una pausa nel suo racconto e prese a lisciare le sue piume. Che strana questa storia pensò la volpe Caterina, chissà dove vuole arrivare questo sapientone. Così sbuffando si mise comoda e attese che il pavone si degnasse di ricominciare.

Nessun commento:

Posta un commento