Benvenuti sul sito di Tino ROBOT... scopri tutte le sue fantastiche storie e ascolta le sue canzoni...

sabato 5 febbraio 2011

Cap. V - Oh ma quanta confusione!

Lasciò il piccolo coccodrillo addormentato nella sua casetta e si avviò verso lo zoo.

Sei sicura che si tratti di un cucciolo di coccodrillo, vero?” domandò Otto, l'ippopotamo sbadigliando con il suo enorme boccone.
 
Potrebbe anche essere un caimano, e non un coccodrillo” sentenziò con tono da maestra Effa la giraffa, che era talmente alta e dal collo così lungo che per farsi udire da Gina era costretta a ripiegarsi più volte su se stessa. 
La discussione sembrava essersi arenata e mano mano che giungevano tutti gli altri animali la confusione aumentava.
 

Possiamo solo aspettare che cresca per capirlo” disse Essa l'elefantessa, dondolando la sua proboscide. 
Tutti annuirono senza che tuttavia si trovasse una soluzione. "Voi non capite il mio tormento – interruppe Gina – caimano o no, lui è davvero convinto che io sia la sua mamma. Ho provato a spiegarglielo ma lui insiste.” Un coro di stupore si levò dall'assemblea degli animali. Tutti fremevano per prendere la parola. 
Si, ma nel frattempo cosa facciamo” intervenne Pigro, il tigrotto dormiglione “non possiamo lasciare Gina insieme al cucciolo, se quello cresce e apre la bocca...”

Ohhh... no, no!! Non si può, non si può no!!” fecero in coro tutti gli animali con crescente preoccupazione.
Gina ascoltava paziente finché non arrivò Ello, il piccolo serpentello che prese la parola sibilando come suo solito.  “Sssecondo me... sss... sss... sssiete sssulla ssstrada sssbagliata...” sembrava farlo apposta a trovare parole che iniziassero con la sss “ssse io fosssiii un sssegugio... sssicuro sssicuro rintrassscerei sssua madre. sssenza problemi...” finendo pure per sbagliare una parola.


Dondolandosi con la coda da un ramo all'altro, arrivò Etta la scimmietta che subito si sentì di dire la sua.
Ho un'idea geniale!” disse a tutti gli altri che di colpo si zittirono. “Andiamo a chiedere a Kocca, chi meglio di lei può aiutarci.”
Il ragionamento della scimmietta fu l'unico che trovò l'approvazione di tutti gli animali. Venne deciso di recarsi seduta stante e senza indugio da Kocca, la coccodrilla a chiedere il suo aiuto. Quando arrivarono il recinto però era deserto. Si guardarono stupiti. Nessuno sapeva farsi una ragione della sparizione.
Sssicurooo che sssarà...ssscappata... sssono pronto a ssscommetterci” sibilò il serpentello a cui erano venute in mente altre parole con la esse adatte alla circostanza. Ma no.. che dici...” gli rispose Otto, l'ippopotamo “non l'avrebbe mai fatto.. Kocca aveva perfino deposto le uova da poco.. e nessuna mammadrilla farebbe una cosa così..”

Nessun commento:

Posta un commento